Cap Brugherio: qual è, siglatura, altri comuni e dove trovarlo

Avete idea di quante spedizioni transitano ogni giorno in Italia e nel mondo? Si tratta migliaia e migliaia di pacchi, lettere e buste che quotidianamente transitano per gli uffici postali e che, se non vengono gestiti in modo efficace, possono creare una grande confusione e un pesante ritardo nelle consegne.

Proprio per semplificare questa mole sempre più grande di spedizioni, è stato studiato un metodo di smistamento che aiuti a rendere tutto il processo meno complesso e più ordinato.

Si tratta del codice di avviamento postale (abbreviato in CAP), un sistema di grande successo, che oggi è diventato uno degli elementi chiavi da inserire nei documenti di spedizione per assicurarsi una corretta consegna.

Introdotto in Italia per la prima volta nel 1967, il CAP è un sistema diffuso in moltissime parti del mondo, anche se non tutti lo hanno adottato, come per esempio Hong Kong che ne è privo, e varia in base alle nazioni: in Italia e nella maggior parte dei paesi europei, il codice di avviamento postale è numerico, mentre negli USA e in Gran Bretagna è formato anche da lettere.

Per ricevere o spedire un pacco, quindi, è fondamentale indicare il proprio CAP o quello del destinatario, ma se non si conosce niente paura: una rapida ricerca sul web, o alcuni siti specializzati, possono aiutarci a trovare il dato che ci manca.

Cosa sono i CAP e a cosa servono

Per codice di avviamento postale – meglio conosciuto con la sigla abbreviata di CAP – si fa riferimento a quel numero che fa parte del sistema di codifica delle località presenti sul territorio.

Ogni zona del nostro paese, infatti, è stato suddiviso in base a un sistema numerico ben preciso, che associa a ogni comune una sequenza numerica: un sistema davvero molto efficace, che aiuta notevolemente gli uffici postali a gestire l’enorme volume di spedizioni da smistare ogni giorno.

In Italia, il CAP è composto esclusivamente da un codice di 5 cifre numeriche: nel dettaglio, le prime due cifre  rappresentano la provincia, la terza cifra se è un 1 si riferisce al capoluogo di provincia, se è uno 0 rimanda invece alle ultime due cifre, che rappresentano la zona postale della città.

Nel caso dei comuni più grandi, come per esempio Roma, Napoli, Torino o Milano, possono essere presenti CAP diversi in base alle diverse aree cittadine, ai quartieri o ai caseggiati.

Normalmente è automatico che, insieme ai dati della persona a cui dobbiamo spedire qualcosa, ci venga fornito il codice di avviamento postale.

Ma se questo non dovesse avvenire, niente paura: esistono decine di siti internet dedicati proprio a trovare il CAP dei comuni italiani: sono portali come nonsolocap.it o comuni-italiani.it, dove basta inserire il nome del paese che ci interessa per trovare il codice a esso associato.

Il CAP di Brugherio: siglatura e comuni compresi

Il caso della cittadina di Brugherio è particolare, perché si è trovata negli ultimi a un cambio di codice di avviamento postale a lei associato.

Questo perché, nel 2009, Brugherio è passato dall’appartenere alla provincia di Milano a essere sotto la giurisdizione della provincia di Monza e della Brianza.

Il passaggio, ovviamente, ha comportato un cambio di CAP, che da 20047 è diventato 20861 e comprende, oltre a Brugherio, la piccola frazione di San Damiano.

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *