Disturbi d’ansia: cosa sono e come si curano

Quando si parla di disturbi d’ansia si allude a problematiche complesse che fanno riferimento all’ansia, ma che differiscono le une dalle altre. L’elemento che le accomuna è però la necessità di affrontarle e curarle attraverso terapie mirate, che richiedono il supporto di uno specialista del settore: lo psicoterapeuta.

Nel corso della vita di ciascun individuo può succedere di provare ansia per le ragioni più diverse. All’interno di un quadro tanto variegato, è possibile tuttavia individuare un punto di contatto nelle sensazioni che quest’emozione determina.

Generalmente, infatti, l’ansia si manifesta provocando in ogni soggetto un senso di minaccia e preoccupazione cui si accompagnano, talvolta, anche determinati sintomi fisici.

Questo meccanismo comportamentale è del tutto fisiologico e non va confuso con quelli che sono invece i disturbi d’ansia, delle condizioni in cui l’ansia si manifesta per un arco temporale prolungato e in modo eccessivo rispetto all’entità della causa scatenante.

In questi casi particolari, un individuo potrebbe soffrire a causa di una fobia specifica, per un disturbo d’ansia sociale oppure generalizzata, o ancora per un attacco di panico o per la comparsa dell’agorafobia. È importante, allora, affidarsi a uno specialista per curare l’ansia e gli attacchi di panico, così come tutti gli altri tipi di disturbi clinici legati a questa particolare emozione.

Alcuni tipi di disturbi d’ansia

Come si è visto, all’interno del range dei disturbi d’ansia si inseriscono diverse, specifiche condizioni.

Vi si annovera, per esempio, la fobia specifica, cioè di una paura persistente e sproporzionata verso un particolare elemento che arriva a limitare le azioni e le scelte della persona. Le fobie vengono classificate in diverse categorie, di cui indubbiamente una delle più note è quella che riguarda la paura verso uno specifico animale.

Un’altra possibilità è rappresentata dall’ansia sociale, che si scatena quando l’individuo deve avere a che fare con determinati contesti sociali. In questo caso specifico, ciò che si teme maggiormente è il giudizio degli altri, dato che si ha la convinzione del fatto che esso sarà negativo e squalificante.

Può essere, in linea esemplificativa, equiparata a una sorta di timidezza patologica, uno stato che influisce pesantemente sul benessere mentale del paziente, che arriva a ritrarsi dal confronto con gli eventi quotidiani per paura appunto del giudizio, che suscita imbarazzo o un senso di vergogna e umiliazione.

Questa patologia differisce dall’ansia generalizzata, che invece si presenta a prescindere dall’interazione con gli altri. Uno stadio, questo, in cui la persona è sempre e costantemente preoccupata e mostra irrequietezza o una paura spesso sproporzionata rispetto agli accadimenti reali.

Un altro disturbo d’ansia è anche quello degli attacchi di panico, in cui il malessere viene portato all’estremo con conseguenze fisiche ed emotive per l’individuo. L’ansia o la paura verso un particolare elemento assalgono infatti in maniera improvvisa ma molto intensa, al punto da provocare palpitazioni o influire sulla percezione della respirazione.

Disturbi d’ansia: il supporto della psicoterapia

Come si è visto, i possibili disturbi clinici collegati a eccessi d’ansia sono molteplici e rischiano di influire negativamente sulla gestione della vita quotidiana della persona. Per riuscire a superare queste problematiche così complesse è importante poter contare sul consiglio e sul supporto degli esperti del campo.

Uno psicologo o uno psicoterapeuta sono le figure più indicate nell’individuazione della problematica specifica di cui soffre il paziente e della conseguente terapia appropriata per la sua risoluzione.

Attraverso specifiche strategie, infatti, si punta a sovvertire i meccanismi negativi che si sono attivati e che rischiano di creare nel paziente un circolo vizioso che appare quasi come una gabbia della mente.

Lo specialista, grazie a tecniche mirate avvalorate dalla profonda esperienza e conoscenza acquisita sul campo, può così affiancare la persona per tutto il periodo propedeutico alla cura risolutiva del disturbo.

Marco Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *