Gelato al limone senza panna: come si fa? Tecniche e metodo di preparazione

Cosa c’è di più fresco, buono e dissetante del gelato al limone? Perfetto da gustare sia a fine pasto che come spuntino, è ideale per rinfrescarsi nelle giornate più calde. Non solo: è uno dei gelati da utilizzare per la preparazione di numerosi dessert.

Ma lo sapevate che si può realizzare anche senza usare la panna? Normalmente la panna rappresenta uno degli ingredienti per realizzare il gelato, ma nel caso del gelato al limone è possibile prepararne una versione che non ne prevede l’utilizzo. Al suo posto si usa il latte, che contribuirà a dare comunque cremosità al gelato, non facendo rimpiangere per niente la mancanza della panna. Realizzabile anche senza l’utilizzo della macchina per fare il gelato, è una preparazione light, buona e sfiziosa senza contenere molte calorie.

Ingredienti per la preparazione

  • 500 ml latte
  • 130 g zucchero
  • 150 ml succo di limone
  • scorza di 2 limoni biologici
  • 5 gr di farina di semi di carrube

 

Procedimento guidato

Per prima cosa andiamo a lavare i limoni, poi preleviamo la scorza grattugiata e la mettiamo in una pentola insieme al latte, alla farina di semi di carrube e allo zucchero. Accendiamo il fuoco per scaldare questo mix, poi poco prima dell’ebollizione spegniamo tutto, mettiamo il coperchio e lasciamo in infusione per almeno un paio di ore, così che il composto assorba a fondo il gusto e il profumo del limone.

Passato il tempo di posa andiamo a spostare il latte in una ciotola e lo mescoliamo con il succo di limone e poi filtriamo tutto con un passino per le eliminare la scorza rimasta. A questo punto abbiamo due opzioni: se disponiamo di gelatiera trasferiamo il composto nel macchinario e facciamo mantecare per circa 30/40 minuti, per poi versare tutto in una vaschetta e lasciar consolidare in congelatore per un paio d’ore.

Se invece non ne possediamo una, dopo aver fatto tutti i passaggi descritti sopra andiamo a mette il composto in freezer per almeno quattro ore, mescolando ogni 20/30 minuti fino a quando il gelato al limone si sarà addensato bene: la mescolatura serve a rompere i cristalli di ghiaccio che vanno a formarsi, favorendo il più possibile la cremosità del gelato.

Passato il tempo di riposo andate a prendere il vostro squisito gelato al limone e servitelo su bicchieri o coppette, per una merenda o un dessert squisito! E se volete provare una versione ancora più light, con una strizzata d’occhio all’alimentazione vegan, potete seguire la stessa ricetta, ma sostituire il latte tradizionale con quello di soia o di avena.

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *