La corsa ai Bitcoin: come non incorrere in truffe

Le notizie che provengono dal mondo delle criptovalute hanno incuriosito sempre più persone, sia chi in materia ne sa qualcosa sia chi, invece, è all’oscuro del funzionamento della crypto ma è profondamente attirato dai guadagni che essa promette.

Uno dei cavalli di battaglia degli appassionati di Bitcoin è citare lo spaventoso tasso di crescita del valore della criptovaluta, passata da centesimi di dollaro nel 2009/2010 a quasi 20.000 dollari l’uno nel 2017.

Nel 2019 il valore del Bitcoin si è arrestato a circa 10.000 dollari, ma l’incombere dell’Halving, in corrispondenza della cui data il Bitcoin ha sempre più che raddoppiato il suo valore, ha rinnovato l’interesse del grande pubblico.

Crescita del Bitcoin: fioccano le truffe                                          

Uno dei problemi fondamentali correlati alla crescita della criptovaluta riguarda la parallela diffusione delle truffe che si associano a quella: non pochi gruppi di hacker, infatti, impiegano la fama del Bitcoin per creare piattaforme totalmente fasulle dai nomi accattivanti, progettate esclusivamente per truffare gli utenti.

La corsa ai Bitcoin è un’opportunità perfetta per gli investitori, ma è necessaria prudenza: diffidate assolutamente da qualsiasi piattaforma che non sia certificata dalle autorità competenti. Anche se la piattaforma non certificata non è una truffa voi non avete alcuna garanzia al riguardo!

Come fare profitti con i Bitcoin

Registrare profitti con i Bitcoin non è difficile, ma richiede un investimento iniziale. Vediamo insieme in che modo e che tipo di investimenti si rendono necessari.

Mining

Il mining è probabilmente la prima forma di investimento sui Bitcoin: attraverso il mining si partecipa attivamente al processo di sviluppo della blockchain e, in cambio della potenza di calcolo che si mette a disposizione della rete Bitcoin, si riceve un numero di crypto proporzionale ai blocchi calcolati.

Dedicarsi al mining non è una possibilità aperta a tutti in quanto vanno presi in considerazione i costi della corrente elettrica: la potenza di calcolo per contribuire allo sviluppo della blockchain può essere raggiunta unicamente da computer di elevata potenza, che devono essere lasciati operare 24 ore su 24.

Ai costi dei computer e della corrente, inoltre, si vanno ad aggiungere quelli dei sistemi di raffreddamento, motivo per cui il mining risulta essere davvero vantaggioso solo in paesi come Cina, Stati Uniti o altre nazioni in cui la corrente non costa quasi nulla.

In Italia l’operazione di mining porterebbe a spese di gran lunga maggiori dei profitti, motivo per cui non è praticata.

Compra-vendita diretta

La compravendita diretta è la prima forma di investimento sui Bitcoin che è disponibile ovunque. Come stesso il nome lascia intuire, si tratta di acquistare un certo numero di Bitcoin e trarre vantaggio dall’aumento del loro valore.

Con questo metodo si sono arricchite moltissime persone anche se presenta il grosso svantaggio di richiedere un capitale di partenza abbastanza ingente. All’inizio del 2017 il prezzo del Bitcoin era di circa 1.000 dollari, motivo per cui un investimento del genere avrebbe richiesto come minimo un capitale di partenza di decine di migliaia di euro per portare a risultati eccellenti.

Moltiplicare per venti un investimento di 2.000 euro è una cosa, moltiplicarne uno di 30.000 è un’altra!

Trading con CFD

E siamo arrivati al momento più importante: il trading su Bitcoin tramite CFD (Contract for Difference) è, infatti, l’unica soluzione alla domanda come si comprano i Bitcoin che sia effettivamente alla portata di tutti.

Il trading tramite CFD permette di partecipare alle operazioni finanziarie sulle criptovalute anche con capitali di partenza esigui grazie allo strumento della leva finanziaria. Si tratta di uno strumento che forniscono solo alcune piattaforme, i broker.

Il settore del trading con CFD è sottoposto ad una attenta regolamentazione da parte delle autorità competenti, specialmente in Europa (ESMA, CySec, Consob, solo per citarne alcune), motivo per cui risulta allo stesso tempo essere il canale più sicuro per approfittare delle occasioni che il Bitcoin offre periodicamente agli investitori.

Marco Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *