Lampredotto: cos’è, come si cucina, ricette e dove si trova

Il lampredotto rappresenta una delle tipiche ricette culinarie della città di Firenze, in Toscana. Il lampredotto fa parte di una delle quattro preparazioni in riferimento agli stomaci dei bovini utilizzato all’interno della cucina povera del territorio, preservata e riproposta ancora tutt’oggi.

Grazie alla presenza dei numerosi chioschi tipici odierni è possibili reperire il lampredotto anche in abbinamento ai classici panini ritrovandosi per le strade di Firenze. I chioschi esercenti tipici vengono soprannominati anche ‘lampredottai’ a rappresentanza dello street food fiorentino.

Lampredotto: che cos’è e come si cucina

L’etimologia della parola lampredotto deriva curiosamente dalla lampreda, una specie vertebrato acquatico appartenente al gruppo degli Agnatha, sotto una conformazione del tutto simile a quella della trippa. Il lampredotto fa parte dei quattro stomaci sopra citati utilizzati per la preparazione dell’abomaso, formato a sua volta dalla parte magra detta ‘gala’ e da una parte grassa denominata ‘spannocchia’.

Nel suo insieme il lampredotto assume una colorazione scura rassomigliando alla trippa a livello estetico, ricordando la forma della bocca del vertebrato primitivo associato all’anguilla per forma e dimensione. Ma come si cucina il lampredotto? La ricetta tipica fiorentina necessita di una preparazione particolare seguendo strettamente le indicazioni della tradizione culinaria antica.

Il lampredotto viene generalmente cotto a lungo in acqua insieme alla cipolla, pomodoro, sedano e prezzemolo. Il lampredotto può essere consumato come un bollito, in accompagnamento a della classica salsa verde, oppure come tagliato a pezzetti e utilizzato come base di farcitura per i classici panini.

I panini a base di lampredotto vengono chiamati semelle, utilizzando pane salato toscano imbevuto nella parte superiore con il brodo di cottura del lampredotto stesso. Oltre alle due versioni appena descritte il lampredotto viene servito anche in ‘zimino‘, ossia in umido in abbinamento a verdure a foglia verde quali le bietole.

Lampredotto: dove si trova

Il lampredotto viene reperito a livello gastronomico soprattutto in Toscana, all’interno della città di Firenze dalla quale trae origine, presso chioschi e locali ristorativi. In alternativa è odiernamente possibile provvedere all’acquisto del lampredotto anche online tramite gli store specializzati, in macelleria nella versione cruda.

Presso i supermercati toscani è inoltre possibile reperire il lampredotto confezionato sottoposto a cottura precedente, a seconda delle aree e delle città. Recandosi a Firenze si potrà gustare il panino al lampredotto optando per i diversi chioschi come quello in Via de’ Macci, Via dei Cimatori, Via Caccini, Piazzale di Porta Romana, Via Gioberti.

Serena B. Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *