Paravento: quante tipologie ci sono, dove comprarli, costi

Se vi trovate ad avere una casa con poche stanze, o addirittura a vivere in un open space, e avete bisogno di ricavare degli spazi separati dove avere un po’ di privacy, il paravento potrebbe essere proprio la soluzione che fa per voi.

Di questa struttura, formata da più pannelli uniti da cerniere, ne esistono di ogni tipologia, in grado di adattarsi a ogni stile di arredamento: proprio per questo un paravento non solo è un modo molto comodo di creare uno spazio privato – per esempio una zona studio –, ma inserirlo in casa diventa proprio aggiungere un vero e proprio pezzo unico che può completamente trasformare l’aspetto della stanza.

E la comodità maggiore è che, quando si è terminato di utilizzare, volendo si può tranquillamente chiudere e riporre in un angolo, e avere di nuovo l’intera stanza a propria disposizione.

Tipologie di paravento: dove acquistarle e quanto costano

Originariamente il paravento – conosciuto anche con il nome di separè – viene dall’antico Giappone, dove era usato sia per riparare le stanze dalle correnti d’aria, sia per decorare l’ambiente con un oggetto finemente lavorato. Un altro periodo in cui è stato molto usato è tra il Settecento e l’Ottocento: è diventata iconica, infatti, l’immagine delle dame nei film in costume, che si cambiano in camera da letto proprio dietro un paravento.

Scegliere un tipo di divisorio semi-trasparente, oggi, vuol dire evocare questa cultura e strizzare l’occhio alle epoche passate: se si sceglie questo stile si può optare per un paravento in tessuto o in bambù, traforato o in fibra vegetale. Lo store Maison du Monde ne ha di bellissimi, con un prezzo che va dai 50 ai 130 euro, ma offre anche una vastissima gamma di separè di design.

Perfetto per chi ama gli interni minimalisti, un paravento moderno può diventare una vera e propria installazione, quasi un’opera d’arte decorativa. In questo caso il range di prezzi sale leggermente – tra i 150 e i 300 euro – ma la casa acquisterà di sicuro un aspetto completamente diverso e contemporaneo.

Chi ha un animo più romantico, o ama lo stile rustico e naturale, può scegliere invece un paravento di legno: se ne trovano di bellissimo sempre da Maison du Monde, ma anche da Ikea e su Amazon.

Questo materiale, infatti, sta benissimo non solo in case di campagna, arredate con stile rustico o ancora shabby chic, ma si presta per una collocazione anche in città, e regala immediatamente alla stanza un aspetto più caldo e accogliente. Si può acquistare con una spesa che va tra i 60 e i 200 euro, a secondo del tipo di legno scelto, oppure i più creativi possono anche provare a realizzarlo da soli, magari utilizzando i pallet.

Tutti i modi per usare un paravento come divisorio

Sono tantissime le diverse soluzioni per utilizzare un paravento nella propria abitazione: se, per esempio, l’ingresso si apre direttamente sul salone, usare un separè può aiutare a dividere i due ambienti, accogliendo gli ospiti senza catapultarli subito nel cuore della casa.

Chi si trova a lavorare in casa, ma non ha una stanza da adibire a studio, può posizionare un paravento in un angolo e sistemare dietro la scrivania, così da poter lavorare con meno distrazioni. In camera da letto il paravento diventa un modo carino di ritagliarsi un po’ di privacy in uno spazio condiviso, mentre se avete la zona della lavanderia dentro il bagno può essere un modo pratico e carino di separare le due aree.

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *