Recupero messaggi whatsapp senza backup: è possibile?

Ormai non se ne può più fare a meno: da quando è stata inventata nel 2009, WhatsApp è diventata una delle applicazioni di messaggistica istantanea più famosa e utilizzata al mondo. Ogni giorno, milioni di persone si scambiano messaggi di testo, messaggi vocali e conversazioni, informazioni importanti che solitamente si salvano con un semplice backup.

Ma cosa succede se dimentichiamo di eseguire un salvataggio e cancelliamo per sbaglio qualcosa d’importante, o perdiamo i nostri dati per aggiornamenti di sistema, reset d’impostazioni o attacco di un virus? Niente panico: la tecnologica ci viene incontro anche in questo caso, permettendoci di usare delle applicazioni che sono state inventate appositamente con lo scopo di permetterci di recuperare i nostri dati WhatsApp, anche quando non siamo in possesso di backup.

WhatsApp Recovery (Android e iOS)

Ottimo programma gratuito e compatibile con i due principali sistemi operativi telefonici, permette di riavere indietro le proprie conversazioni cancellate anche se addirittura si è disinstallato WhatsApp, leggendo i file crypt, crypt7 o crypt8. Va scaricato sul proprio computer per poi effettuare questi passaggi:

  • cliccare su recupero dati e collegare il telefono al pc con il cavo usb, così che il programma possa rilevare il dispositivo;
  • premere sulla voce recupero per avviare la ricerca dei messaggi cancellati. Alla fine di quest’operazione appariranno tutti i messaggi scambiati su WhatApp, con quelli eliminati evidenziati in rosso;
  • selezionare i messaggi cancellati da recuperare e cliccare ancora recupera;
  • selezionare la destinazione dei file e il formato desiderato.

EaseUS Mobisaver (Android e iOS)

Software gratuito e molto amato, soprattutto per la sua compatibilità con tutti i sistemi, che scansionando la memoria interna del dispositivo riesce a recuperare i nostri file perduti. Questa volta il lavoro si svolge direttamente sullo smartphone: è necessario, per prima cosa, scaricare l’applicazione e poi seguire la procedura molto semplice che in paio di minuti risolverà il problema.

Basta, infatti, avviare l’app e scegliere la modalità di recupero, se dal telefono iOS o Android (Recover from Device), da iTunes (Recover from iTunes) oppure dalla memoria di iCloud (Recover from iCloud). A questo punto rimane solo da avviare la scansione cliccando su scan e attendere: una volta che il programma avrà terminato il suo lavoro, rimane solo da selezionare i file desiderati dalla barra di sinistra e cliccare su recover per riaverli sul telefono.

ES Gestore File (solo Android)

È considerata una delle migliori applicazioni in commercio ed è ideale per il recupero di file persi, anche se al momento è disponibile solo per gli utenti Android. Di facile utilizzo e molto versatile, permette di navigare tra le cartelle del proprio smartphone proprio come si fa su un normale computer fisso, e inoltre riesce a gestire più account contemporaneamente, trasferendo file anche tra Google Drive, Dropbox e tantissimi altri.

Dopo averla scaricata e installata, dal menu in alto a sinistra bisogna selezionare WhatsApp e poi Database, per fare apparire i file meno recenti, compresi quelli cancellati. Inoltre, l’app permette anche di vedere la cartella del cestino, e quindi anche questo è un altro sistema per recuperare i messaggi persi.

 

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *