Citroen 2CV: prestazioni, consumi e prezzi nuovo e usato

La Citroën 2CV ha fatto sicuramente storia ed è uscita dalla catena di montaggio del brand francese. Vediamo insieme di cosa stiamo parlando e delle sue prestazioni.

Che cos’è la Citroën 2CV

La Citroën 2CV esce dalla catena di montaggio del noto marchio francese e nasce più di 30 anni fa in Portogallo. È un grandissimo evento che ha segnato la fine di una grande storia di successo che è stata consacrata a Parigi nel 1948 durante il Salone dell’Automobile.

Per fare un piccolo salto indietro nel passato è bene capire che la prima volta che è stata presentata davanti al pubblico ha saputo essere molto versatile, economica e originale. Di certo si è distinta per essere una delle migliori in termini di innovazioni di tipo tecnologico in un epoca che non aveva ancora le tecnologie di oggi: proprio questo ha stupito e ha portato un quid aggiuntivo grazie alla trazione anteriore nonché il motore a due cilindri raffreddato ad aria.

La sua progettazione è stata studiata appositamente per gestire un pubblico ampio, considerando che l’auto fosse ancora un progetto di lusso e non per tutti come oggi. Il veicolo economico era finalmente arrivato ma con caratteristiche innovative per una necessità del pubblico dell’epoca.

Caratteristiche e curiosità

La Citroën 2CV dopo la guerra è stata completamente reinventata e questa piccola berlina, moltissimo spazio e un simbolo di libertà assoluto. In un primo momento la casa automobilistica ha potuto solamente promettere una produzione limitata considerando le pochissime materie prime a disposizione. In un secondo tempo però si è sviluppata nel tempo e ha conquistato il cuore di tutti, anno dopo anno.

Il suo corpo è in acciaio con quattro porte per un progetto dedicato proprio alle famiglie. Tetto fisso cercando di rendere l’abitacolo molto leggero e poi passo dopo passo anche molo sicuro. Dal 1981 ecco i freni a disco anteriori che hanno fatto il loro ingresso e non hanno più abbandonato l’autoveicolo.

Un momento storico anche dedicato al motore che oggi rappresenta grandi performance per viaggi lunghi oppure per destreggiarsi nel traffico, con costi contenuti. Una volta il motore 602 veniva incorporato con manovella, vista la prima versione che raggiungeva una velocità di soli 70 km/h. Andando avanti con il tempo il nome è stato mantenuto ma i modelli sono notevolmente cambiati anche per andare al passo con le necessità delle persone: i modelli del brand sono passati alla storia e ancora oggi si può avere la possibilità di trovarli usati a dei prezzi molto competitivi sul mercato attuale.

Di sicuro piace il suo grande stile retrò che ha un qualcosa di vintage, non solo per gli esterni ma anche gli interni di caratura e di grande qualità. Non si è voluto quindi stravolgere completamente tutto quanto il mondo della Citroën 2CV ma cercare di variare la tecnologia, migliorandola sino ai modelli moderni accattivanti per famiglie e single.

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *