Caviglia: antomia ossea e muscolare, come preservarla e curarla

La caviglia è una parte molto importante del corpo umano. Vediamo insieme com’è composta, a cosa serve e come usarla al meglio per evitare stress oppure rotture.

Anatomia della caviglia

La caviglia, chiamata così per il suo aspetto simile ad un chiodo con il nome che deriva dal latino – è una articolazione sinoviale atta ad unire la parte inferiore di perone con astragalo che è l’osso più vicino al piede. Il suo compito principale è quello di essere la regione che unisce gamba a piede, dando la possibilità di movimento ed equilibrio nella parte inferiore e distale.

La sua importanza è notevole e infatti è necessaria per permettere al corpo umano dei movimenti basilari e complessi di locomozione. Non solo, infatti è riconosciuta anche il suo sostegno passivo per una posizione eretta del corpo.

La sua composizione è formata da un sistema di legamenti e muscoli che sono atti al movimento di gamba e piede in maniera autonoma l’uno dall’altro.

Nella sua anatomia si può notare:

  • Contiene una articolazione funzionale che è composta da tibia – perone e astragalo
  • Le ossa che compongono la caviglia compongono la sua morfologia articolare e si muovono a seconda del movimento che è necessario compiere.

Per andare nel dettaglio, la tibia ha una estremità che si allarga proprio per consentire l’area di contatto per il trasferimento ottimale del carico del corpo. Il perone è posto in modalità laterale e si può sentire al tatto funzionando come una puleggia per tutti i tendini dei muscoli. L’astragalo ha una superficie dorsale arrotondata che è coperta da cartilagine ideale per l’articolazione di tutta la caviglia.

Quando si parla di caviglia si parla anche della sua struttura a mortaio che deve essere stabile proprio per avere una maggiore concentrazione delle forze di gamba e piede. Non solo in posizione eretta ma anche da seduti e stesi. La cartilagine che è presente nella parte della tibia ha uno spessore di circa 3mm con una compressione sino al 40% ideale per rispondere ai picchi di carico durante la giornata.

Non è da sottovalutare anche la presenza di un terzo malleolo che è al margine posteriore atta a creare una simulazione con la sua preminenza ossea che si può sentire sempre al tatto.

La caviglia è protetta da una capsula di articolazioni che si rafforzano durante lo sviluppo con dei legamenti collaterali. Tutto questo è fondamentale per ottenere una maggiore stabilità anche contro urti o movimenti non del tutto corretti.

Funzione della caviglia

Se si parla di funzioni della caviglia, questa ne ha 4 principali. Prima di tutto ha una superficie articolare che è fatta in modo che il rapporto gamba piede possa essere perfetta. Non solo, serve anche per compiere i movimenti fondamentali e si presta come punto di intersezione ossea per tutti i legamenti diversi.

Il suo movimento è netto elegante e determinante per camminare o compiere altri tipi di azioni. In genere vengono chiamati movimenti di pronazione oppure supinazione ma con un asse che devia solo in minima parte.

Danila Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *